23012017in evidenza:

capitale della cultura. «MA NESSUNO VOLLE I MIEI LIBRI CHE FINIRONO AL MACERO»

di [Cesare Pieraccini]
«Se li avevo qui, avrebbero fatto a gara a riceverli sia le scuole sia le biblioteche»
libri-usati

«E i miei libri finirono al macero…»

SAN PAOLO (BRASILE). Un lettore ci scrive dal Brasile riflettendo su “Pistoia capitale della cultura”:

Ormai sono dieci anni che vivo qui in Brasile.

Mi sembra ieri che cercavo di svuotare la casa (era in vendita) di tutto quello che avevo comprato o avuto in regalo negli anni.

Ma quello che mi fece più rabbia è non aver trovato nessuno che si prendesse i molti libri che avevo, un po’ di tutto, libri di informatica, politica, storia, filosofia ecc.

Non mi interessava la vendita, volevo solo che non andassero persi, come poi è successo.

Alla biblioteca non li vollero, la direzione mi disse, senza neanche sapere cosa trattavano, che non erano interessati; alcuni venditori al mercatino dell’usato in centro mi dissero che li avrebbero presi solo che dovevo pagare.

Insomma può una città come Pistoia, che si dice “capitale della cultura”, rifiutare una donazione di cultura?

Se li avevo qui, avrebbero fatto a gara a riceverli sia le scuole sia le biblioteche.

Ma non diciamo che la biblioteca comunale è ben fornita e c’è di tutto: ho preso per anni in prestito libri e posso dire che politicamente ha tutto, orientata però in un certo senso. Grazie.

Cesare Pieraccini

Vedi anche: http://www.lineefuture.it/capitale-della-cultura-i-miei-libri-invece-li-vollero/

Parlane sui Social Network

Articoli correlati

Una risposta to "capitale della cultura. «MA NESSUNO VOLLE I MIEI LIBRI CHE FINIRONO AL MACERO»"

Scrivi una risposta

Devi essere Registrato per scrivere commenti.